Sfogliatrice Raccogliatrice di foglie Mod ALS 2020

L’estrazione degli Antociani dalle foglie di vite

Grande opportunità per la “green cosmetics”

Premio Novità Tecniche alla Esposizione Internazionale Macchine Agricole di Bologna

  • La TECNOVICT di Pianello Val Tidone (PC) mette il settimo sigillo al più importante concorso di novità tecniche per l’agricoltura che si tiene nel nostro paese arriva il premio per la macchina che stacca e immagazzina le foglie della vite da vendere come sottoprodotto all’industria della Cosmesi e della Farmaceutica.
  • Negli ultimi anni è aumentato l’interesse verso specifici composti che possono essere ricavati dai sottoprodotti dell’industria vitivinicola. Si è sviluppata una maggiore attenzione nella ricerca ai fini di una valorizzazione più efficiente di questi sottoprodotti. Infatti nelle vinacce esauste e nei vinaccioli si possono trovare diversi composti bioattivi. Più in generale gli scarti vitivinicoli possono essere valorizzati seguendo diverse strategie, questo grazie alle loro caratteristiche chimiche e alla presenza di una grande varietà di composti ad alto valore aggiunto.
    Tra i principi attivi più appetibili tra i primi della lista compaiono le antocianidine; esse sono infatti responsabili del colore, dell’astringenza, dell’amaro e in parte anche del gusto del vino. I fenoli rivestono anche un ruolo importante durante l’invecchiamento. Le antocianidine sono l’unico gruppo cationico tra i flavonoidi; ciò le rende uniche per caratteristiche chimiche.

  • L’antociano (o antocianina) non è nient’altro che un’antocianidina sulla quale è legato uno zucchero. Si parla sempre di antociani e non di antocianidine, perché tali molecole si trovano nel vino. Gli antociani sono noti per essere responsabili dell’ampia gamma di colori (dal rosso al giallo) nei fiori, frutti e foglie.
    Se l’estrazione di antociani da biomasse di risulta dalla trasformazione enologica sarebbe teoricamente possibile, in realtà esse sono state degradate dal processo di fermentazione alcolica che hanno attraversato. Di conseguenza gli antociani nella loro purezza sono meglio estraibili dalle foglie della vitis vinifera, soprattutto quando la loro concentrazione è massima alla fine del ciclo produttivo, subito dopo la raccolta dell’uva.

Considerazioni conclusive

  • Tecnovict ha realizzato per prima al mondo un attrezzatura per staccare e recuperare le
    foglie di vite. Il suo impatto economico sino a 10 ton riesce ad abbattere di oltre il 50% i
    costi di raccolta ed il suo impiego sarebbe già giustificabile da circa 4 Ton in su.

    Probabilmente la soluzione più corretta sarebbe quella di utilizzare la macchina per
    togliere le foglie più esterne e la mano d’opera per togliere quelle interne.
    Anche questa volta si scopre che la nostra agricoltura può ancora trovare nuovi sbocchi in applicazioni inaspettate, come in questo caso nell’utilizzo delle foglie di vite raccolte dopo la vendemmia per un utilizzo nell’industria farmaceutica e della cosmesi, divenendo le stesse un interessante sottoprodotto per una delle nostre colture più nobili ed antiche.
    Un altro grande risultato per una piccola ditta che ha fatto della ricerca e della innovazione la propria bandiera conquistando l’ambitissimo premio per la settima volta, la sesta consecutiva, autentico record.

 


Per richiedere una dimostrazione in campo o per avere maggiori informazioni sulla macchina clicca qui!